Come trattare la tulatomia nei gatti – 5 passi

La tularemia , nota come febbre del coniglio, è una malattia rara che si verifica più spesso nei gatti che nei cani. Sebbene sia raro, ti consigliamo di conoscerlo perché ci sono stati casi di focolai in animali domestici con un alto livello di mortalità. La tularemia è una malattia batterica zoonotica che viene trasmessa dalle zecche e può causare sintomi come perdita di appetito, febbre, disidratazione, infezioni agli occhi e ingrossamento della milza o del fegato, anche se questi variano a seconda della gravità dell'infezione. Se vuoi saperne di più, continua a leggere, su questo sito .com ti mostriamo come trattare la turalemia nei gatti.

Potrebbe interessarti anche: Come trattare il calcivirus nei gatti Passaggi da seguire:

uno:

Come abbiamo accennato, la tularemia è una malattia causata dal batterio Francisella tularensis , che può diffondersi da un animale all'altro attraverso le zecche. Prendono l'infezione nutrendosi di uccelli o altri animali infetti e, inoltre, potrebbero trasmetterla ad altri esseri in qualsiasi momento durante il loro ciclo di vita di 2 anni. Anche le mosche e le pulci dei cervi possono diffondere la tularemia. Un altro modo in cui il tuo gatto è esposto è se mangia un coniglio o un altro roditore infetto.

Due:

Francisella tularensis attacca gli organi e i fluidi degli animali infetti, che di conseguenza contaminano l'intero ambiente che li circonda. Questo batterio può vivere per mesi nell'acqua, nella vegetazione e nel suolo e il tuo gatto potrebbe infettarsi se il batterio entra attraverso la pelle o entra nel tratto respiratorio, negli occhi o nel tratto digestivo. A parte conigli e altri roditori, la tularemia può essere trasmessa attraverso topi muschiati e castori. Gatti, cani, uccelli, cavalli, maiali, pecore, pesci e anche gli esseri umani possono contrarre questa malattia.

3:

I sintomi della tularemia sono più comuni nei gatti che nei cani, e soprattutto nei più giovani. Un felino con una lieve infezione potrebbe non mostrare alcun segno di malattia o addirittura soffrire di una brevissima e sottile perdita di appetito, una leggera febbre e letargia. Nei casi più gravi, il tuo gatto potrebbe avere febbre alta, linfonodi ingrossati, ulcere, infezioni agli occhi, ulcere alla bocca, ittero, ascessi drenanti e milza o fegato ingrossati.

Questa malattia viene diagnosticata tenendo conto dei segni clinici ed eseguendo un test anticorpale. Anche se è vero che questi potrebbero non essere rilevati all'inizio della malattia.

4:

Una volta che al tuo gatto è stata diagnosticata la turalemia, il trattamento più comune è con gli antibiotici, che saranno più efficaci se l'infezione è stata rilevata precocemente.

Il tuo veterinario ti consiglierà anche di assumere un integratore probiotico insieme agli antibiotici. È molto importante che questa malattia venga curata, perché il tasso di mortalità è alto. Quindi, se noti qualche sintomo o il tuo gatto potrebbe essere esposto ai batteri F. tularensis , prendi precauzioni e vai dal veterinario.

D'altra parte, se il tuo gatto ha contratto la tularemia, dovrebbe essere isolato dagli altri animali e dai loro caregiver per prevenire la diffusione della malattia. Nei gatti, è più comune che i batteri entrino nel corpo attraverso le membrane mucose, per inalazione o attraverso la pelle danneggiata.

5:

È importante anche per evitare il contagio che vengano prese alcune precauzioni. Devi evitare gli animali morti, non lasciare che il tuo animale si sciolga quando lo porti a fare una passeggiata in zone che non conosci per impedirgli di entrare in contatto con animali morti. Se devi spostare un essere vivente morto, non toccarlo direttamente, usa una pala per raccoglierlo o qualsiasi altro metodo che implichi il non entrare in contatto con esso.

Si consiglia di utilizzare un preventivo contro pulci e zecche per il vostro gatto.In caso di dubbio, parlate con il vostro veterinario in modo che possa consigliarvi l'opzione migliore in modo che il vostro animale domestico sia protetto. Nel seguente articolo ti diamo buoni consigli su come sverminare un gatto. Infine, un fatto importante è che la carne di coniglio congelata può contenere i batteri per un periodo fino a 3 anni.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come trattare la tularemia nei gatti , ti consigliamo di visitare la nostra categoria Animali domestici.

Related Stories

Llegir més:

Trattamento della malattia infiammatoria intestinale nei cani

Una delle malattie più comuni nei cani ha a che fare con una...

Sintomi e trattamento dell’insufficienza cardiaca nei cani

I problemi cardiaci nei cani sono più comuni di quanto si pensi, specialmente...

Sintomi di allergia alimentare nei cani – 7 passi

Pensi che il tuo cane non si senta bene? Proprio come le persone...

Sindrome di Cushing nei cani: sintomi e trattamento

I cani, come gli esseri umani, sono soggetti a determinate malattie, dovute a...

Un cane con diarrea può essere deworm?

Sverminare il tuo cane è qualcosa che non puoi lasciar andare e che...

La leishmaniosi dai cani agli umani è diffusa? –...

La leishmaniosi o leishmaniosi canina è una delle malattie più comuni nei cani...